Mostre
Sguardo a Violenti Confini

Sguardo a Violenti Confini

Se ti sedessi su una nuvola non vedresti la linea di confine fra una nazione e l’altra, ne la linea di divisione tra una fattoria e l’altra. Peccato che tu non possa sedere su una nuvola. (Khalil Gibran) Con questa frase di Gibran comincio il mio personale sguardo alla mostra ancora in corso (30 Aprile...
Diario veneziano 2017 - Una mostra per chi è stanco delle solite mostre

Diario veneziano 2017 – Una mostra per chi è stanco delle solite mostre

Metaforica, altissima, esistenziale. Con The boat is Leaking. The captain Lied la Fondazione Prada offre un repertorio di suggestioni che vanno dal leggero e disimpegnato divertimento del diventare protagonisti di scenografie immersive (un’aula di giustizia, un negozio di fiori, due piedistalli da circo) fino all’intellettuale compiacimento del cogliere la sottile rete di collegamenti che rimbalzano...
Diario Veneziano 2017 - Hassan Sharif Studio (Supermarket)

Diario Veneziano 2017 – Hassan Sharif Studio (Supermarket)

Hassan Sharf (Dubai – 1951) ha osservato i cambiamenti legati al flusso di denaro generato dal commercio petrolifero nel suo paese, gli Emirati Arabi Uniti, non solo da comune abitante ma anche da caricaturista, avendo avuto una lunga collaborazione con la rivista ‘Akhbar Dubai’, respingendo gli stilemi della calligrafia astratta in voga nella sua regione...
Diario Veneziano 2017 - Treasures from the Wreck of the Unbelievable - Tesori dal Relitto dell'Incredibile

Diario Veneziano 2017 – Treasures from the Wreck of the Unbelievable – Tesori dal Relitto dell’Incredibile

Punta della Dogana Nel 2008, al largo della costa orientale dell’Africa fu scoperto un vasto sito con il relitto di una nave naufragata. Il ritrovamento ha avvallato la leggenda di Cif Amotan II, un liberto di Antiochia, vissuto tra la metà del I secolo e l’inizio del II d.C. Nell’Impero Romano un liberto aveva ampie...
Un selfie da 800mila euro

Un selfie da 800mila euro

Immaginate di essere immersi nel mondo magico e psichedelico delle pumpkins a pois della celeberrima Yayoi Kusama (Matsumoto – 1929), lo stupore e la meraviglia si mescolano ad un’irrefrenabile voglia di immortalare per sempre questo momento. E’ così dunque, che, uno sbadato visitatore dell’installazione All Eternal Love I Have for Pumpkins (2016), esposta in occasione...
Attila Csörgő, Seconda Biennale per l'artista ungherese

Attila Csörgő, Seconda Biennale per l’artista ungherese

Ciò che all’inizio mi interessava era la incompatibilità a priori fra due sistemi che sembravano in relazione: le geometria piana e la geometria solida Attila Csörgő (Budapest – 1965), già vincitore del premio June Paik 2008, protagonista indiscusso assieme a Walid Raad di Documenta 13, torna alla biennale di venezia dopo la precedente esperienza del 1999,...
Padiglioni Balcanici. Appunti dalla Biennale Architettura 2016

Padiglioni Balcanici. Appunti dalla Biennale Architettura 2016

La Biennale di Alejandro Aravena ha scandagliato senza retorica e con puntuale interesse le notizie che arrivano da ogni fronte in cui l’architettura si trova ad affrontare le questioni dell’ambiente, della sostenibilità, della convivenza, dell’abitazione e della marginalità. Passeggiando fra i progetti esposti ai Giardini e all’Arsenale, spicca la lucidità con cui alcuni padiglioni balcanici...
Ai Weiwei. Libero

Ai Weiwei. Libero

Liberty is about our rights to question everything Ai Weiwei nasce a Pechino il 28 agosto 1957 dal poeta Ai Qing (anch’egli dissidente politico). Si è diplomato all’Accademia del Cinema, per poi dedicarsi successivamente alla pittura. Nel settembre del 1980 le autorità di Pechino concedono a Stars (collettivo cofondato da Ai Weiwei negli anni ’70)  di allestire una mostra alla China...
Art’s Big Bang – Berlino ’89 – 5.3 (Ventesima Parte)

Art’s Big Bang – Berlino ’89 – 5.3 (Ventesima Parte)

5.3- AAA Cercasi nuovi miti Qualsiasi sconvolgimento porta gli esseri umani a delegare a qualcun altro l’ardito ruolo di tutore dei propri interessi. Questo si verifica spesso in politica, quando i cittadini di un dato paese decidono di designare un capo che li rappresenti e promulghi per loro un codice di leggi che tuteli i...
Art’s Big Bang – Berlino '89 – 5-5.1 (Diciottesima Parte)

Art’s Big Bang – Berlino ’89 – 5-5.1 (Diciottesima Parte)

“tutte le statue sono state rimosse e ne è rimasto solo il piedistallo? Sciolto dal rapporto che lo vincolava, il piedistallo vuoto appare un residuo a fronte di ciò che è stato consumato. Qualcosa che è sopravvissuto a un passato di cui sono andate perdute le tracce. Un oggetto, dunque, senza più riferimeto e contesto?...
Art’s Big Bang – L'Arte occidentale piace ai regimi totalitari – 3-3.1 (Decima Parte)

Art’s Big Bang – L’Arte occidentale piace ai regimi totalitari – 3-3.1 (Decima Parte)

3- L’Arte occidentale piace ai regimi totalitari Il miglior modo per accaparrarsi l’appoggio delle potenze democratiche è, per un regime totalitario, mostrarsi illuminato. Il miglior modo per millantare questa apertura verso la contemporaneità e di conseguenza verso la democrazia, è mostrarsi acculturati. Nella seconda metà del 1900 essere acculturati in un certo senso è legato...
Art’s Big Bang – La contemporaneità orientale si è dimenticata del 1964 – 2.5 (Nona Parte)

Art’s Big Bang – La contemporaneità orientale si è dimenticata del 1964 – 2.5 (Nona Parte)

2.5- La morte dell’arte è avvenuta prima della sua nascita Come citato ad inizio capitolo, la morte dell’arte in Occidente avviene negli anni sessanta; credo che qualunque filosofo o critico d’arte, in quel momento sia stato concorde che questa fine del susseguirsi di avanguardie artistiche abbia rappresentato l’intero contemporaneo delle arti. Forse all’epoca si ignoravano...